Ai tempi dell’inquisizione

Istruzioni per la lettura in piemontese:

Per poter scrivere in dialetto esistono delle convenzioni internazionali che però io non conosco, quindi, per semplicità mi sono inventato una grafia:
-“eu” suono francese
-per indicare la strana a che usiamo in molte parole ho inserito al dieresi: ä, ad esempio tävu = tavolo
-ho reso la u francese con la dieresi: ü
-la sh sta per quella s strascicata che usiamo ad esempio “shtuma” per stiamo
-la s per la strana s ad esempio di “(s)uvu” = giovani
-la r va letta un po’ strascicata ad esempio “era” = aia
-la k per i suoni duri della c, mentre ch per la c dolce
Che Nicola perdoni la mia ignoranza.

Voce narrante: E veui quintéve na storia vèia, mä propi vèia, ed quand d’invarn, per scadése en sei piäse e brisciävu cui ke ciamävu “eretici”.

Voce fuori campo: Parla naint ed religiòn!

Voce narrante: e suma ent er Medio Evo e u iè tante cose bèlè: e ran fäch der catedräl bèlishime, cun pitüre e scultüre che son na meravìa. Ma u ieva anche tanta courousiòn, naint paid adès, anloura i can gros e fävou tüt cus e vurävu e pretaindävou anke d’avai rashòn, naint paid adès. Vescou, päpa e cardinäi e’revou shtrarik e u gnun bastäva mäi, naint paid adès.

Voce fuori campo: Läsha shté, pärla naint ed religiòn!

Voce narrante: E cui ke prouvävou a dì ke u r’eva naint giüst ei brishävou. Vagti ke en prugrès u rè shtäie, adès almenou ra giaint e ra brushou ciü!

Voce fuori campo: Läsha shté, e ru dish per u tò bain: pärla naint ed religiòn. E vénou a piéte.

Voce narrante: Ti dishi giusht, anlura, en ter Medio Evo, se ti divi caicòs k’undäva naint, tack, et plucävu subi, ennivou a piéte e Adiou Béla, per tein u’iéva ciü neuine pushibilitä ed saivéte dar feu! U rè capitäie ad Angelica. Ca r’è propi ra storia che vouräva quintéve. En dì e ràn ennura a pié e r’an purtära dednanch a dui frä vestì ed nai, ei divu “dumenicàn”, mä Angelica a säva manc ki foussou i dumenicàn.

Domenicano 1: Orbene, ecco gli strumenti che andremo a utilizzare, la bilancia per soppesare l’anima di questa donna ed è infatti a noi inquisitori che spetta questo compito. Ed infine la spada della giustizia. Non si sporcheranno di sangue gli uomini devoti al Signore. Noi giudicheremo l’anima, ma spetterà al potere secolare eseguire la sentenza.

Domenicano 2: Dichiarate il vostro nome

Angelica : Angelica

Domenicano 1: Vi hanno condotta qui e mi hanno già riferito molte, troppe cose al vostro riguardo. Voi sapete qual è la mia funzione, vero? Quindi ora ditemi … secondo voi … perché vi hanno condotta qui?

Angelica: Mèin seu naint, mi seui na paisanna.

Domenicano 1: Dici bene, è proprio fra voi contadini e artigiani che si diffondono pericolose eresie, noi uomini colti e votati a Dio ne siamo immuni. Scrivi fra Gustavo, la donna inquisita riconosce che fra le persone del suo basso livello si diffondono gli eretici: pro maxima parte illiterati et ydiotae.

Angelica: Cu scüsa mä cus e shcrivi ke r’avrìa dich?

Domenicano 2: Silenzio ignorante! Fra Ildebrando sa bene cosa è meglio per te, per aiutarti a venire fuori dall’enorme guaio in cui ti trovi?

Angelica: Mä r’ai encu naint dìme pikè r’ai fäme purté sèin!

Domenicano 1: adhuc fingis non scire …. ignorare … quod impudentia!

Angelica: Cum perdònna Reverendo mä (s)ä … tribul a capì r’italiàn … fighirumse u latèin.

Domenicano 1: Scrivi fra Gustavo, la donna inquisita nominata Angelica sostiene che il latino non si capisce e che le sacre Scritture devono essere scritte nella lingua volgare parlata dal popolo: vulgari translati esse sacrae literae.

Angelica: En due parole e reu dich tüt lò?

Domenicano 2: Silenzio villica! Fra Ildebrando sa.

Domenicano 1: Non negherai certo di aver partecipato a riunioni con pericolosi eretici in cui ti hanno prima confuso la mente dalla retta via e poi infuso dottrine sbagliate: dogmata perniciosa et noxia?

Angelica: Mi seu naint ed ke riuniòn e pärli….

Domenicano 1: Scrivi fra Gustavo, la donna inquisita riconosce di aver partecipato a numerose riunioni con pericolosi eretici valdesi, in particolare con un loro “barba”, che si aggira per queste valli a seminare graves errores de correcta doctrina.

Angelica: mä Reverendi Padri mein e reu mäi dich na cosa parài!

Domenicano 2: Silenzio donna! O vuoi confermare la tua deposizione con la tortura?

Domenicano 1: tormentis adduxit lux.

Angelica: Mi seu naint. E capish naint.

Domenicano 1: Ci hanno riferito che fai strane pratiche magiche.

Angelica: E r’an dive sbagliä ed shicür!

Domenicano 1: Sappiamo che tu credi che la luna abbia strane influenze sulla natura!

Angelica: A ra leuina vèinta cràdia pei forsa. Pruvé a taié en tra leuina neuva en pèin, e vru mangiu i vaim, na tèina vèinta lavéra quande ra leuina a rè (s)uvu, anke per ainsrì, s’us fä naint ai primi dì ed ra leuina i aintèshime e täcu naint

Domenicano 1: Scrivi, scrivi fra Gustavo, la donna accusata di eresia ammette di credere in pratiche magiche e in superstizioni pagane.

Angelica: Superstisiòn u rè fé dei mä a ra giaint, se euin u dòvra ra leuina per rubé ai paisàn e tnìe ent r’ignurainsa certu cu sbalìa. Mä se ra leuina a saiva per fé u traväi cume u vä fäch pikè naint cradié?

Domenicano 1: Scrivi, scrivi fra Gustavo, la contadina Angelica, sicuramente prossima all’eresia, crede nella magia, critica il legittimo potere del clero e mantiene perverse pratiche con il demonio.

Angelica: Mä mèin e reu mank numinäru u diävu.

Domenicano 2: Taci! Sotto tortura confermerai questo e altro, vedrai.

Domenicano 1: Suvvìa, sappiamo che appartieni a una famiglia povera e bisognosa, per venirti incontro la nostra paterna autorità è disposta a prendere in considerazione una qualche forma di moderata comprensione se accetterai di confessare tutti i tuoi peccati e di fare i nomi di coloro che sono caduti come te vittime della pervicace eresia!

Angelica: Mä mèin e reu gnente da cunfesé! Pikè deuv cunfeséme?

Domenicano 1: Scrivi, scrivi fra Gustavo: la donna di nome Angelica, eretica, non crede nel sacramento della confessione! E dimmi un po’, contadina, cosa pensi della necessità per la Chiesa di essere ricca e magnifica al fine di poter propagare e diffondere la retta fede “per terram et maria”?

Angelica: Mä piké ra gieshia a deuv es rica? Neustr Esgnù u rä dich cu ré ciü fäcile ke en camèl u päsa da ra teshta d’in üia ciütòsht ke en rik u posha aintré en Paradìs!

Domenicano 1: E qui ti volevo…. come fai a conoscere questo passo del Vangelo? Sai leggere? Conosci il latino?

Angelica: Mi nä, nì lè(s), nì latèin!

Domenicano 1: Scrivi, scrivi fra Gustavo, l’eretica Angelica ammette, riconosce e confessa di essere stata istruita nell’abominevole dottrina ereticale e di conoscere quindi le Sacre Scritture sulla base di traduzioni in lingua volgare lette e commentate da magistri hereticorum. Vedi fra Gustavo come si conduce un interrogatorio? Alla fine l’abbiamo fatta cadere e ammettere, sine ulla dubitatione, di essere un’eretica. Basta avere pazienza e saper tessere la santa tela dell’Inquisizione. Vedrai che anche tu diventerai un buon inquisitore della Santa Verità.

Domenicano 2: Ho ben inteso Maestro, farò senz’altro tesoro dei vostri insegnamenti.

Domenicano 1: Suvvia, tutto è bene ciò che finisce bene. La contadina eretica ha infine confessato, tra di loro anche le donne pretendono di avere sapienza in rebus fidei e noi l’abbiamo smascherata. Sia rinchiusa per la notte in una cantina del castello, domani sarà condotta in giudizio ad Alba per il regolare processo. Qualora la donna non dovesse confermare il verbale di interrogatorio sarà sottoposta a tortura, al fine di vagliarne la sincerità e, se sarà trovata meritevole di condanna, il suo corpo brucerà fra le fiamme al fine di emendarne gli errori. Rinchiudetela!

Voce narrante: E parài Angelica e r’an srära ent ina cròta der castèl, per peu purtéra u dì dop en älba per bitéra sut prucès E buna dona, e peuri emaginéve cùme a peu avài pasä ra neuch: a rä ciansü tüt u tàimp e maintre i’ure e pasävu e da sì an pòc a sia riväie anke ra lü(s) ed r’ürtim dì ca r’avrìa visht u so paìs, ra so giaint, a so famìa..…

Voce fuori campo: E r’äti vi(s)t ke r’äva ditru? Pärla naint ed religiòn!

Voce narrante: Tüt u smìäva urmäi décis, mä……u iè saimpre en mä……..Màintre Ke Angelica a ciansäva sainsa speransa en cula cròta, a sàinta shfursuné a ra porta…ra posta as deuib….u iè n’òm….. e u smìa……mä scéin…… u rè Ludovico en so paisàn…..

Ludovico: Bugia Angelica, a piuré ti rä taimp ciü tärdi. Adès ti deuvi saivéte da r’Inquisisiòn.

Angelica: Oh Ludovico! Mä cume e r’äti fäch?

Ludovico: Si fürbaciòn ed r’Inquisisiòn e ru san naint ke na ciäv e r’uma anke niäch. Desgä(s)te, ti piuri peu dòp, adès vä a Seva, quand ti rüvi, ciäma ed Na(s)äriu ei màis da bòsc. U rè euin di nostr, u te (s)téima i primi dì, peu ut giüta a shcapé lande r’inquisisiòn a peu naint truvéte.

Voce narrante: E difäti, gräsie ai màis da bòsc, Angelica a rè rnesciuié a shcapé ent ei valäde dapé a Pinereul, lande r’Inquisisiòn a puräva naint enfirunése. En cumpains ed tanchi ke sòn mort brishä, Angelica a sè saiväse, a rä mariäse, a rä avü di fìi e a rä mushträie i cose ca säva e i fìi di fìi di fìi e vìvu encu adès. En cùmpains ed tanchi ke son mòrt brishä, Angelica e i sò fìi e i so nud e son saiväse.

Enzo

Bookmark the permalink.

Lascia un commento