Lo que vieron fue el color de la paz

Ieri per me è stata una sorta di nuova alba.
In un periodo per me così scuro, ho capito che è sbagliata la direzione e che per uscire dall’oscurità bisogna stringersi la mano, fare cerchio (come ieri) e ribaltare in positivo (grazie Mockus) ciò che succede.
Finiguerra mi ha dato la fiducia nella politica che oramai davo per spacciata.
E ho focalizzato l’inutilità dell’essere architetto oggi e l’utilità di essere arch-ecologa. Che non è archeologa, ma arch-ECOLOGA.

Lara

si, ieri pomeriggio è stato un gran bel pomeriggio che dimostra che essere in trenta ( o poco più) favorisce un reale scambio di idee, un contatto più reale con l’altro. le proposte della vostra associazione danno veramente respiro alla circolazione delle idee, offrono spunti di riflessione e, se si vuole, stimola a fare qualcosa di concreto, ma in pienaautonomia, spontaneità e apertura: vedi Francesco che si porta dietro la chitarra e ci aiuta a volare con le sue scelte musicali. e per ultimo o soprattutto le vostre proposte culturali circolano, che bello, tra le varie età: incredibile!!

Renata

Bookmark the permalink.

Lascia un commento