per te (by the way)

vorrei scriverti qualcosa
ma le parole oggi
galleggiano soltanto
non hanno sostanza nè senso
sono confusi anche i rintocchi
di questa vita che ci cade dalle mani e si frantuma

un vaffanculo in vernice nera
ancora fresco sui miei muri profondi
ci metterà millenni ad asciugare
come questa insormontabile disfatta

ho solo voglia di prendere e insultarti come se fosse colpa tua
e un po’ lo è anche,
testa di cazzo,
dovevi essere più stronzo
che gli stronzi, come sappiamo, non muoiono mai

ricordati che quando verrò da te mi devi insegnare a bere con tre bicchieri allo stesso tempo
ricordati di Pisa, del vino rosso e della pioggia
ricordati che è stato bello anche se è durato poco

ricordati tutto e non rimpiangere niente
che eri il sole e nemmeno lo sapevi.

[Vera Libertà]

Bookmark the permalink.

Lascia un commento